GriDa di FamE

La strada impervia si districava tra le montagne aride e scogliose. Una casa di pietre, i volti, le grida, una corsa ansimante di un bambino troppo adulto. Le grida mute diventano assordanti, è la fame di cibo, di amore, di un gesto, una carezza. Nell’attimo in cui le mani si incontrano, si rifocilla lo stomaco, il cuore, la mente. Ancora adesso attraverso il tempo e lo spazio, la fame di amore.

La poesia ha partecipato al concorso “Narranti Erranti”, molto carino come idea letteraria, un pò caotica e poco identificabile la votazione……beh è il mio primo concorso letterario!:)

Annunci

Un periodo di assenza

Un periodo di assenza, per soffrire, per pensare.

Il mancato viaggio in Mauritania, purtroppo ha avuto la sua utilità. Un lutto ci ha colpito, e come sempre attraverso il dolore, della malattia, della sofferenza, dei cari, si ripercorrono i propri dolori, ciò che siamo e che saremo.

“La vita è sempre importante, non soltanto quando è attraente ed emozionante, ma anche se si presenta inerme e indifesa.” E.J.

R.i.P.